Scroll to top

Porsche Palladio Tour 2016 sportive d’élite

Appassionati di Porsche! Come saprete già sabato 24 Settembre si è svolto a Vicenza il Porsche Palladio Tour 2016. Un evento organizzato dal Centro Porsche Vicenza in collaborazione con il Club Porsche Veneto e Friuli.

L’iniziativa è nata per regalare ai possessori di Porsche una giornata di ” sana competizione”, come è stata definita dagli organizzatori, per potersi godere lo spirito sportivo della propria amata Porsche. Vivere una giornata dedicata all’obbiettivo di far ciò che più amate: guidare la vostra auto, divertendovi, sempre nel rispetto delle regole vigenti del codice stradale.

Riuscite ad immaginare quanto sarebbe stato meraviglioso partecipare con la vostra Porsche moderna o classica? Aveste avuto il piacere e il privilegio di sentirvi parte di un mondo d’élite, percorrendo strade fantastiche e visitando luoghi sconosciuti e pieni di storia.

Continuate a leggere e vi racconterò il perché.

Devo confessare che quando mi è arrivata la mail per la partecipazione a questo evento esclusivo Porsche ero leggermente in difficoltà. Mille gli inviti e gli impegni che mi giungono tutti i giorni e la scelta è sempre ardua. Ma ormai lo sapete il mondo Porsche fa parte di me e non potevo mancare a questo evento per un ottimo motivo: gli organizzatori hanno dedicato tutto il ricavato a finalità benefiche.

Le quote di iscrizione infatti sono state raccolte direttamente dalla “PIT Onlus”, un’associazione nata nel 2015 dopo la morte di Pietro a causa di un male incurabile. Un gruppo di ragazzi giovani si sono così impegnati in questo onorevole progetto fondando l’associazione, in ricordo del loro amico che a 25 anni amava fare il dj, adorava la musica e amava la vita. Proprio per questo i ragazzi dell’associazione si impegnano a tutt’oggi per organizzare eventi, incontri al fine di raccogliere fondi da destinare alla ricerca scientifica per la lotta di mali incurabili e sconosciuti. Ed ecco perché erano presenti al Porsche Palladio Tour 2016.

Cominciate a capire come ci si può sentire, dopo una giornata fantastica, felici per esservi divertiti alla guida di una Porsche e soddisfatti per aver fatto del bene verso il prossimo?

Rilassatevi e lasciate che vi racconti una breve descrizione della giornata di sabato.

Sono le 9.00 in punto e in concessionaria Porsche a Vicenza , tutto è pronto. Man mano arrivano i bolidi della casa di Stoccarda e vengono schierati a cerchio attorno allo stabile. I sorrisi sui visi dei piloti e dei navigatori si fanno notare, la giornata infatti è baciata dal sole e i partecipanti si stanno già immedesimando alla guida dei loro cavalli ruggenti tra strade bellissime e paesaggi incantati.

Un buffet con caffè e dolci di benvenuto è la ciliegina sulla torta per iniziare bene la manifestazione. Nel frattempo tutti e 38 i partecipanti ascoltano attenti e interessati al briefing sul programma della giornata. Qualche regola e pochi dettagli sulle prime prove. Il mistero e la sorpresa è la componente fa restare col fiato sospeso tutti.

Appena fuori dal cancello della concessionaria ha inizio la prima prova. Un rilevamento cronometrico con 4 “tubi” ( pressostati ) per due prove concatenate. Dal primo pressostato al secondo il tempo imposto è di 3 secondi, mentre  al secondo al terzo il tempo è di 5 secondi. Gli equipaggi iniziano via via ad effettuare le sfide cronometrate e si intravvede già la differenza di strategia intrapresa. Alla fine sono concessi solo dei semplici cronografi tanto che si vede subito lo spirito divertente della ” sana competizione” sia per chi sta affrontando la prova sia per chi guarda attentamente, sorridendo in attesa del suo turno.

Dopo soli 500 metri ecco la seconda prova un rapido calcolo della lunghezza delle vostre 4 ruote. Che misura sono i vostri pneumatici? Sommateli e avrete la risposta al quiz. Gli organizzatori le hanno proprio pensate tutte a 360 gradi o centimetri !?!

E poi, via con la terza prova. Due giri in tondo tra i birilli a una velocità costante. La velocità la decidete voi. C’è chi parte piano e cerca di mantenere la stessa velocità e chi osa un po’ di più e percepisce che fare un cerchio ad altre velocità non è il miglior modo per ottenere il massimo risultato di questa prova.

In prova dalle più moderne Porsche 991, 911 gt3, 911 targa, 911 carrera 4S, 911 carrera 2 , Cayenne, Macan, 718, Boxster, alle più classiche 993, 924, 911 2.7, 911 2.2  fino alla 356. Alla fine tutte si dirigono verso le colline beriche dove strade bellissime contornate da viste panoramiche rendono il percorso indimenticabile fino all’arrivo a Barbarano Vicentino. Ed è proprio a Barbarano che gli equipaggi affrontano la quarta prova e ultima prova, un percorso extra cittadino di 5 km a una velocità imposta di 42.5km/h di media.

porsche-palladio-tour-2016-a-noventa-vicentina

© Rosita Corato

I piloti con l’aiuto dei loro preziosi navigatori si impegnano in questa sfida di perfezione, ma con altrettanto entusiasmo si godono paesaggi ancora verdi e un sole primaverile. Destinazione Noventa Vicentina per il primo pit stop. Un’aperitivo a buffet e la visita alla villa Barbarigo, sita nella piazza centrale di Noventa, rilassano gli animi e deliziano gli occhi nel visitare questa magnifica villa piena di storia. Lo spettacolo multicolore delle auto parcheggiate in piazza incuriosisce i passanti che ne approfittano per spiare i dettagli di questi mostri sacri della sportività.

Alle 13.30 si parte verso la meritata pausa del pranzo. Ospitati nel lussuosissimo ristorante “Agriturismo De Bortoli” ai piedi dei colli euganei a Zovon di Vò. La degustazione di piatti tipici e il vino tipico dei colli padovani accompagna il pranzo dei piloti in modo eccellente.

Alla fine del pranzo sono già le 16.00 e la direzione è quella verso l’antica città murata: Este. Una sorprendente fila di Porsche attraversa le strade lasciando di stucco i passanti, fino all’arrivo in centro della città. Dopo aver parcheggiato le auto in piazza vicino alla torre dell’orologio, tutti gli equipaggi si sono apprestati alla visita della più antica fabbrica esistente di ceramiche italiane. Una fabbrica sapientemente illustrata dal professore di scuola d’arte di Este e dai suoi titolari. Permettendo ai presenti di conoscere l’antica storia settecentesca dello stabile e anche qualche curiosità mostrando da vicino le opere più belle riservate alle grandi aziende internazionali del fashion quali Tiffany e Ralph Lauren.

Appena un po’ in ritardo dalla tabella di marcia alle 18.30 nel bel mezzo di un invitante buffet d’aperitivo, ecco le tanto attese premiazioni.

Classifica Finale del Porsche Palladio Tour 2016 (per le prove cronometrate e di destrezza):

  • 1° L’equipaggio n.3 pilota Zelcher Uberto su Porsche 911 GT3
  • 2° L’equipaggio n.21 pilota De Lorenzi Michele su Porsche Boxster
  • 3° L’equipaggio n.35 pilota Carotti Andrea su Porsche 911 GT3

Premio per il Concorso fotografico (per la foto più bella inviata):

  • L’equipaggio N.14 su Porsche Targa 4s Italia

Premio d’Eleganza Porsche (per l’auto più elegante e rappresentativa):

  • L’equipaggio n.26 su Porsche-Corato 356 Speedster N1

Fieri e contenti per una giornata esaltante piena di emozioni i partecipanti tornano a casa col sorriso, sicuri che l’anno prossimo non mancheranno!

Noi della ditta Corato con la nostra Porsche N1 siamo orgogliosi di esser parte attiva di questo splendido gruppo di appassionati Porsche e onorati anche questa volta di aver partecipato ad un evento eccellente per qualità nell’organizzazione e meritevole per l’ obbiettivo benefico.

P.S. Pensateci l’anno prossimo quando sentirete parlare di Porsche Palladio Tour, sono sicura che vorrete esserci anche voi e fare parte dell’élite magari con una splendente Porsche d’epoca per poter così ricevere il premio di “Regina tra le belle”!

SFOGLIA L’ALBUM COMPLETO DEL :

Sposta il mouse sulla foto e Premi la freccia ai lati >

Porsche Palladio 2016 | Corato Racing Team

Please follow and like us:
41
8
11
7
21
5
12

Related posts

Post a Comment