Scroll to top

Da Coys la Lancia 037 Ex Martini vincitrice del Rally di Montecarlo con Walter Rohrl

Da Coys la Lancia 037 Ex Martini vincitrice del Rally di Montecarlo con Walter Rohrl

La Lancia 037 Ex Martini vincitrice del Rally di Montecarlo del 1983 guidata da Walter Rohrl e Christian Geistdorfer, in vendita da Coys.

Costruita all’inizio degli anni ’80 per raccogliere il testimone della plurivittoriosa Stratos nel favoloso panorama dei Rally degli anni ’80, la Lancia 037 riuscì a ritagliarsi svariati momenti di gloria nel corso della sua carriera agonistica, aprendo, di fatto, la strada alla straordinaria epopea vissuta a cavallo tra la fine degli anni ’80 e l’inizio degli anni ’90 dalla leggendaria Delta.

Il suo 2 litri da 255 cv, contraddistinto da un’architettura imperniata intorno ai quattro cilindri in linea e all’iniezione Bosch, infatti, permise alla 037, stilisticamente ispirata alle coeve Beta Coupè, di dominare la scena del Campionato Mondiale Rally e di centrare l’obiettivo dell’alloro iridato nel corso del 1983.

Il cambio è un manuale a cinque marce, le sospensioni indipendenti a doppio braccio oscillante e i freni sono a disco su tutte e quattro le ruote. Di questa straordinaria vettura furono prodotti 200 esemplari destinati alla normale omologazione per uso stradale, in ottemperanza al regolamento del Gruppo B che, nel corso degli anni ’80, imponeva ai Costruttori di derivare le vetture da competizione da modelli stradali venduti in almeno 200 unità.

Come per la precedente Stratos, anche per la realizzazione della 037, il Gruppo Fiat-Lancia scelse di avvalersi della collaborazione con Abarth per lo sviluppo della vettura. Nel corso della carriera agonistica, complice anche la collaborazione con l’equipe messa a disposizione dal noto preparatore italo-austriaco, furono apportati svariati upgrade alla meccanica della vettura, che permisero ai tecnici Lancia, grazie anche ad un piccolo aumento di cilindrata e all’impiego di un compressore volumetrico, di ricavare una potenza massima che, step dopo step, raggiunse i 325 cv.

Come detto, l’apice della carriera agonistica della Lancia 037 fu raggiunto nel 1983, quando la consolidata coppia formata da Walter Rohrl e Christian Geistdorfer regalò alla Casa italiana il titolo Costruttori del Campionato del Mondo Rally e la prestigiosa affermazione, peraltro fondamentale in ottica mondiale, al Rally di Montecarlo, giunta grazie alla vettura contrassegnata dalla targa TOY63865 del team Lancia Martini, ora destinata alla vendita nello showroom di Coys.

Dopo il ritiro dal mondo del Rally, la 037 in questione proseguì in tono minore la sua attività agonistica, per poi essere venduta ad un collezionista privato, presso la cui autorimessa il mezzo è rimasto in custodia fino ai giorni nostri. In questo lasso di tempo, la vettura vittoriosa al Rally di Montecarlo non ha più solcato i campi di gara, pur essendo sottoposta alla regolare manutenzione ordinaria e straordinaria dal suo scrupoloso proprietario.

Le attenzioni rivolte alla Lancia 037 del nostro servizio hanno permesso alla vettura di mantenersi fino ad oggi in condizioni piuttosto buone. L’oculatezza del proprietario si è inoltre concretizzata nella scelta di non apportare alcuna modifica alla vettura con lo scopo di mantenere il prezioso esemplare in condizioni di totale originalità.

La vendita di Coys, dunque, rappresenterà per i collezionisti di tutto il mondo una preziosa opportunità per mettersi in garage una vettura perfettamente conservata alla quale è legato a doppio nodo uno dei capitoli più significativi della storia del prestigioso marchio Lancia.

Tutti i dettagli nel sito di Coys >

Photo credit: Rosita  Corato

Testo: Massimiliano Idonea

Related posts

Post a Comment