Scroll to top

Mille Miglia 2015: Oltre 1600 km di adrenalina pura! Provare per credere

mille-miglia-2015-corato-alonso

438 auto in gara per la corsa più bella del mondo, la Mille Miglia 2015,  si sono date battaglia attraverso strade,  paesaggi e borghi, tra i più belli e suggestivi d’Italia.

Vince la  Mille Miglia 2015 con una Bugatti T40 del 1927 l’equipaggio argentino J.Tonconogy-G.Berisso , titolo già conquistato nel 2013,  battendo per pochissimi punti l’equipaggio bresciano A.Vesco-A.Guerini su Fiat 514 MM del 1930, primi per quasi tutto il percorso, ma evidentemente ha giocato a loro sfavore il famoso detto “Chi arriva primo a Roma, perde la gara”, infatti, a Roma erano in vetta alla classifica! Terzo equipaggio al traguardo, E.M.Salviato-C.Moglia con la loro Bugatti T40 del 1928. La “Coppa delle Dame” è stata vinta dall’equipaggio S.Marini-S.Stoeckelmann su Porsche 356 del 1953.

Il percorso classico è da sempre Brescia-Roma-Brescia, durante il quale sono state stabilite 84 prove cronometrate, delle quali 76 su pressostato e 8 di media imposta, che hanno messo a dura prova ogni singolo equipaggio, trovandosi ad affrontare una gara durissima fatta di precisione, velocità estrema, percorrendo oltre 500km giornalieri tra strade di un tempo, paesaggi meravigliosi, gente affiatata ed emozionata al passaggio, che trovava posto dappertutto lungo la via pur di tifare gli Eroi della Mille Miglia 2015 al loro passaggio!

Brescia accoglie da sempre la partenza e l’arrivo della mitica “Mille Miglia”, che nella sua 33°edizione non ha mancato di emozionare, stupire e coinvolgere con le sue 438 auto di inestimabile valore e bellezza. Il giorno precedente la gara di regolarità di auto classiche più famosa nel mondo, prevista per giovedì 14 maggio, le auto con i rispettivi equipaggi hanno dovuto superare i controlli obbligatori presso la Fiera di Brescia, dove i commissari tecnici hanno verificato ogni particolare relativo all’ammissione in gara delle vetture iscritte ed effettuato il “rito” della punzonatura, rito che risale alle prime edizioni della corsa, quando veniva messo un punzone in piombo a sigillo del coperchio della testa del motore, per evitare che lo stesso venisse elaborato successivamente alle verifiche tecniche: ovviamente oggi è un rito simbolico più che pratico. La “Mille Miglia” non è solo una gara di regolarità di auto d’epoca, è una vera e propria corsa, dove auto ed equipaggi si giurano vera battaglia per il raggiungimento del miglior risultato ed ovviamente la conquista del podio!

Giovedì 14 maggio, prima giornata di gara, tappa ristoro per tutti gli equipaggi presso il Museo “Mille Miglia in Brescia, che hanno poi raggiunto Piazza Venezia per lo start di gara previsto per le 14.30: il percorso previsto ha toccato luoghi come Desenzano del Garda, Sirmione, Peschiera del Garda, Verona, Ferrara, Ravenna, fino a raggiungere Rimini, prima sosta per la notte.

Alle 7 del mattino di venerdì 15 maggio nuova partenza  solcando la via verso Roma, attraversando posti meravigliosi come la Repubblica di San Marino, Senigallia, Loreto, Recanati, Macerata, Ascoli Piceno, Teramo, Antrodoco, Rieti e finalmente Roma, la Capitale! Sembra banale scrivere una dopo l’altra le città raggiunte, ma nonostante i posti suggestivi, a volte impervi, i centri bellissimi e l’accoglienza straordinaria e di conseguenza emozionante, è l’unico modo per rendere l’idea al lettore di quanto la velocità, la corsa, la gara sia sfrenata: velocità pazzesche per auto di oltre 60 anni!

L’arrivo in serata a Roma è stato un tripudio di eleganza, gioia e bellezza, che hanno surclassato ogni stanchezza: il passaggio verso il centro storico della Capitale con sosta per il timbro di passaggio a Castel Sant’Angelo è stato veramente emozionante, tra gli applausi del pubblico presente ed un fortunato cielo stellato con sullo sfondo la cupola illuminata di San Pietro. Sabato 16 maggio alle 6 de mattino nuova partenza per la conquista della terza tappa di gara fino ad arrivare alla sosta notturna a Parma, passando per Ronciglione, Viterbo, Radicofani, Buonconvento, Siena, Cascina, Pisa, Lucca, Regio Emilia. Strade straordinarie, percorsi montani di rara bellezza, borghi accoglienti e carichi di storia, città indimenticabili: sempre in folle corsa naturalmente, ma gli occhi man mano che si proseguiva si riempivano di gioia, emozione, trasferendo tutto al cuore, cancellando ogni stanchezza o fatica.

Domenica 17 maggio alle ore 6 partenza per l’ultima tappa della “Mille Miglia” 2015, quindi pronti tutti a guadagnare qualche punto in più e qualche penalità in meno, al fine del buon piazzamento e ovviamente del gradino più alto del podio. Da Parma, si sono raggiunte Piacenza, Monza, Bergamo e finalmente nel primo pomeriggio Brescia, città d’arrivo!

A Monza una prova cronometrata si è svolta all’interno dell’autodromo della città, rendendo ancor più suggestiva la gara. Di nota la mostra, all’interno delle sale espositive dell’autodromo di Monza, che ha esposto alcune delle auto più prestigiose della collezione dell’Architetto Corrado Lopresto, persona estremamente autorevole nel mondo delle auto d’epoca, grande appassionato, conoscitore e collezionista che negli anni con cura, competenza  e grande meticolosità, ha cercato, trovato e restaurato auto rare, di enorme importanza storica e di estrema bellezza. Ottimo il connubio tra corse automobilistiche e cultura dell’auto: la storia dell’automobile e di chi ne ha fatto parte per ingegno meccanico o design, è fondamentale ed importantissima per poter comprendere epoche, situazioni sociali e, quindi, periodi storici.

Incredibile la “ Mille Miglia 2015 ”, sicuramente una corsa sfrenata a tutto gas e senza regole, ma anche e soprattutto una gara di regolarità di auto storiche senza eguali e carica di forti emozioni. Come ogni edizione moltissimi gli equipaggi stranieri, che hanno assaporato tanta bella Italia e non solo per il paesaggio ed il bagaglio di storia, ma soprattutto per la gente che ha accolto gli equipaggi e le auto al seguito sempre con grande entusiasmo e calore. Fantastiche le corse su e giù per le strade lungo gli Appennini, incredibili le velocità raggiunte considerando la media, senza contare l’adrenalina al raggiungimento delle prove cronometrate e al superamento delle prove di media.

Quel che mi piace ricordare di questa meravigliosa esperienza, indimenticabile, non è soltanto la gara in sé, ma anche “gli angeli” al seguito: le famose auto assistenza al seguito, nascondono veri e propri angeli, spesso anonimi al pubblico, che meritano un grande plauso. Sono loro che seguono imperterriti le auto durante la corsa, pronti a riparare con maestria ed in velocità ogni guasto meccanico, sono loro che all’arrivo delle auto in sosta notturna, non pensano al riposo ma al corretto ripristino dell’auto per il giorno successivo: uomini invisibili, magici, di grande talento.

Auto incredibili, strepitose, bolidi da paura immatricolati non oltre il 1957, anno di chiusura della prima edizione della “Mille Miglia”, hanno sgommato roboanti lungo tutto il percorso e sarà un piacere per noi raccontarvi la loro storia, pertanto seguiteci … non perdeteci di vista!!!

 

Un grazie particolare a Pakelo Lubrificants, che ci ha accompagnato lungo tutto il percorso della mitica “ Mille Miglia 2015 ” , la gara più bella del  mondo!

Guardate l’album delle foto e vivrete da protagonisti la corsa più bella del mondo: “Mille Miglia”… che spettacolo Amici Piloti!!!!

Photo credit: Rosita Corato

Testo di: Luciana Zaccaria

le-foto-della-mille-quarta-tappa-miglia-2015-corato-alonso

Please follow and like us:
41
8
11
7
21
5
12

Related posts

Post a Comment