Scroll to top

Rivalsa in stato di ebrezza e droga come evitarla

[av_textblock size=” font_color=” color=”]

rivalsa-in-stato-di-ebrezza-e-droga-come-evitarla

Come si fa ad evitare la rivalsa in stato di ebrezza e droga in caso di incidente? Ecco la guida per sottrarsi dal pagamento della rivalsa.

In questi giorni si parla molto dell’omicidio stradale. Coloro che si mettono alla guida dell’auto sotto l’effetto di droghe e alcol e provocano incidenti mortali, sono accusati di omicidio colposo. Lo stesso vale per tutti i pirati della strada. Questa nuova legge è stata aspramente attaccata perché, come dicono i penalisti, l’omicidio alla guida già era visto come reato e per tanto punito. Ciò che adesso fa discutere è la rivalsa in stato di ebrezza e droga. Quell’automobilista che sotto effetto di droghe e alcol causa un incidente grave, può prevenire almeno sul fronte economico “il problema”. In pratica, per evitare gravi perdite di denaro, l’automobilista può impedire all’agenzia presso cui ha stipulato l’RC Auto, di far rivalsa. Nessun trucco, è previsto dalla legge italiana.
[/av_textblock] [av_image src=’http://www.coratoalonso.it/wp-content/uploads/2016/02/riparazione-auto-incidentata.jpg’ attachment=’14904′ attachment_size=’full’ align=’center’ styling=” hover=’av-hover-grow’ link=’page,327′ target=” caption=” font_size=” appearance=” overlay_opacity=’0.4′ overlay_color=’#000000′ overlay_text_color=’#ffffff’ animation=’no-animation’][/av_image] [av_textblock size=” font_color=” color=”] Quali sono le leggi in merito a chi guida sotto effetto di droghe e alcol?

Prima di tutto, cerchiamo di chiarire quali sono i limiti previsti dal Codice della Strada. La legge consente all’automobilista di avere per ogni litro di sangue, circa mezzo grammo di alcol. La tolleranza è bassa, ma indispensabile per prevenire gravi incidenti e impedire il più possibile alle persone di guidare in condizioni di non lucidità. Tolleranza zero invece per conducenti professionali e neopatentati. Lo stesso vale per l’uso degli stupefacenti. Non vi è alcun limite minimo o massimo. Chi si mette alla guida di un veicolo non deve aver assunto nessun tipo di sostanza stupefacente. Chi viene sorpreso alla guida di una vettura dopo aver assunto droghe, ma senza aver causato incidenti, dovrà pagare una multa. Questa viene erogata solo quando l’uso di sostanze stupefacenti è avvenuto poco prima di mettersi alla guida.
[/av_textblock] [av_image src=’http://www.coratoalonso.it/wp-content/uploads/2016/02/prenota-risparmia-tagliando-auto.jpg’ attachment=’14851′ attachment_size=’full’ align=’center’ styling=” hover=’av-hover-grow’ link=’page,3429′ target=” caption=” font_size=” appearance=” overlay_opacity=’0.4′ overlay_color=’#000000′ overlay_text_color=’#ffffff’ animation=’no-animation’][/av_image] [av_textblock size=” font_color=” color=”] L’assicurazione vuole un rimborso dall’automobilista

Quando un automobilista causa un incidente in stato normale, l’assicurazione risarcisce i danni a cose e persone. Quando invece il danno è provocato a causa dell’uso di droga o alcol, l’assicurazione risarcisce chi ha subito il sinistro. In quest’ultimo caso però, farà rivalsa sul conducente. Sarà lui a dover risarcire l’assicurazione in modo totale o parziale. La rivalsa quando è parziale va dai 5.000 ai 10.000 euro. Quando è totale, l’assicurato che imprudentemente si è messo alla guida dopo aver assunto droghe o alcol, deve rimborsare la compagnia anche sull’ordine di milioni di euro.

Un contratto standard di RC Auto prevede tutto questo. Quando firmate il contratto accettate la clausola e in nessun modo potete contestarla.

Quando è possibile aggirare la rivalsa in stato di ebrezza?

Prima di firmare il contratto. Cioè potete scegliere di eliminare la clausola, pagando un sovrapprezzo. Il “plus” varia in base al vostro profilo guidatore e ovviamente, alla regione nella quale abitate (in alcune parti dell’Italia l’RC Auto ha un prezzo nettamente superiore). Eliminando questa clausola, sia voi che possedete l’automobile sia tutti coloro che potrebbero trovarsi a guidarla in stati alterati di coscienza, sarete esonerati dai pagamenti economici.
[/av_textblock] [av_image src=’http://www.coratoalonso.it/wp-content/uploads/2016/02/Vuoi-verniciare-i-tuoi-cerchi.jpg’ attachment=’14897′ attachment_size=’full’ align=’center’ styling=” hover=’av-hover-grow’ link=’page,3312′ target=” caption=” font_size=” appearance=” overlay_opacity=’0.4′ overlay_color=’#000000′ overlay_text_color=’#ffffff’ animation=’no-animation’][/av_image] [av_textblock size=” font_color=” color=”] Conclusioni
Molte le polemiche anche su questa clausola che prevede l’eliminazione della rivalsa in stato di ebrezza. Konsumer Italia, l’associazione dei consumatori, lancia un appello alle assicurazioni chiedendo che non sia più possibile eliminare la clausola della rivalsa solo pagando qualcosa in più ogni anno nel premio assicurativo. Konsumer Italia parla di “uso della strada che sia fatto con responsabilità”. Una responsabilità che di certo non viene insegnata se si consente alle persone che causano incidenti gravi in stati di coscienza alterata, di evitare ogni tipo di problema economico semplicemente pagando un sovrapprezzo. In realtà quello che le persone dovrebbero capire è semplicemente questo: mettersi alla guida quando chiaramente non si è in condizioni di farlo, può mettere a rischio la vita di altri individui. Per tanto, se bevete o fate uso di sostanze stupefacenti, non guidate. Quello che Konsumer Italia si aspetta è che, dopo le nuove leggi introdotte nel Codice della Strada, le compagnie assicurative smettano di “tutelare” chi guida mettendo consapevolmente a rischio la vita degli altri.
[/av_textblock] [av_textblock size=” font_color=” color=”] Photo credit &  Source News & Text: Pixabay | Claudia Lemmi
[/av_textblock]

Please follow and like us:
41
8
11
7
21
5
12

Related posts

Post a Comment