Scroll to top

Scuderia del Portello, tra premiazioni e presentazione della stagione 2016

[av_textblock size=” font_color=” color=”] premiazione-piloti-della-scuderia-del-portello-0

Presentata la stagione 2016 della Scuderia del Portello nello storico stabilimento di Arese, alla presenza di personalità e piloti premiati nell’occasione, per poi visitare e ripercorrere il mito nell’emozionante Museo Alfa Romeo.

Una stagione che ci si augura possa cominciare sotto i migliori auspici. È stata presentata sabato 6 febbraio il 2016 della Scuderia del Portello, nella sede di Arese, all’interno dello stabilimento adibito a nuovo museo dell’Alfa Romeo. Si è trattato di un evento in grande stile, al quale non hanno mancato di partecipare gli sponsor principali della scuderia, da Alfa Romeo a Motul, da Bosh a serbatoi Galbiati, oltre eminenti personaggi , quali il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni e il vicepresidente di Aci Milano, Geronimo La Russa.
[/av_textblock] [av_image src=’http://www.coratoalonso.it/wp-content/uploads/2016/01/vuoi-restaurare-la-tua-auto-d-epoca-richiedi-preventivo-6.jpg’ attachment=’14321′ attachment_size=’full’ align=’center’ styling=” hover=’av-hover-grow’ link=’page,4097′ target=” caption=” font_size=” appearance=” overlay_opacity=’0.4′ overlay_color=’#000000′ overlay_text_color=’#ffffff’ animation=’no-animation’][/av_image] [av_textblock size=” font_color=” color=”] Ed è stato in primis Maroni, grande sostenitore della Scuderia del Portello, a confermare, anche per l’anno prossimo, il Gran Premio di Formula 1 di Monza. Probabilmente è stata la passione degli italiani, che si sono resi protagonisti di un’invasione di campo nella scorsa edizione, a far capire come sia fondamentale mantenere una tappa del Mondiale in territorio italiano. Un buon presupposto, insomma, per cominciare la battaglia e tenersi ciò che appartiene ad un Paese intero. “Con la Scuderia del Portello – ha sottolineato all’evento il presidente della Lombardia – abbiamo collaborato intensamente anche durante Expo, per salvare il Gran Premio di Monza, e ora siamo vicini al traguardo. Mi auguro – ha continuato – che questo impegno possa convincere Bernie Ecclestone a mettere, nelle prossime settimane, la firma sul rinnovo. C’è stato poi spazio anche per un po’ di amarcord, con la presenza in sala di Arturo Merzario, che indossando un cappello da cowboy e liberando la sua incontenibile simpatia, ha raccontato alcuni episodi relativi alla sua lunga carriera in Alfa Romeo, iniziata nel lontano 1962.
[/av_textblock] [av_gallery ids=’14700,14701,14702,14703,14704′ style=’thumbnails’ preview_size=’portfolio’ crop_big_preview_thumbnail=’avia-gallery-big-crop-thumb’ thumb_size=’portfolio’ columns=’5′ imagelink=’lightbox’ lazyload=’deactivate_avia_lazyload’] [av_textblock size=” font_color=” color=”] Riconoscimenti ai piloti del presente e del passato

Ma l’evento è stata anche l’occasione per presentare i due equipaggi che parteciperanno alla Pechino-Parigi, con partenza dalla “grande muraglia” il 12 giugno 2016, a bordo di due Giulia storiche, pronte per completare l’impresa. A fare gli onori di casa, ovviamente, è stato il presidente della Scuderia del Portello, Marco Cajani, che negli ultimi tre decenni si è alternato alla guida della scuderia con Goffredo Chiavelli. Dopo alcune parole di presentazione, sono quindi seguite le premiazioni con una targa commemorativa di alcuni piloti internazionali provenienti da Giappone, Australia, Messico, Inghilterra, Svizzera, Portogallo e Germania, per poi passare alla consegna dei riconoscimenti ad alcuni piloti italiani che hanno fatto parte della scuderia, tra cui lo stesso Merzario, oltre ad altri piloti, impegnati ancora nelle competizioni storiche e alla rosa femminile delle pilotesse della Scuderia.

La platea e tutti gli accreditati all’evento, al termine dell’evento, non hanno mancato di dirigersi verso il favoloso museo su tre piani, rinnovato e prestigioso. Un geloso custode del percorso storico che ha portato l’uomo ad immaginare l’evoluzione dell’automobile. Ma la mostra offre anche la possibilità ad appassionati di ripercorrere la storia di vetture e piloti che hanno fatto la storia in pista, nonché delle tecnologie che hanno ridefinito, in un modo o nell’altro gli standard di innovazione. La bellezza, la velocità, tutto il patrimonio Alfa Romeo.
[/av_textblock] [av_one_full first min_height=” vertical_alignment=” space=” custom_margin=” margin=’0px’ padding=’0px’ border=” border_color=” radius=’0px’ background_color=” src=” background_position=’top left’ background_repeat=’no-repeat’ animation=”] [av_textblock size=” font_color=” color=”]

SFOGLIA L’ALBUM COMPLETO DEL MUSEO ALFA ROMEO

Premi la freccia ai lati >

https://www.flickr.com/photos/alonso/albums/72157663707155569
[/av_textblock] [/av_one_full] [av_textblock size=” font_color=” color=”] Photo credit &  Source News & Text: Rosita Corato | Gianluca Anoè
[/av_textblock]

Please follow and like us:
41
8
11
7
21
5
12

Related posts

Post a Comment