Scroll to top

Tagliando auto, la guida completa

[av_textblock size=” font_color=” color=”]

tagliando-auto-la-guida-completa

Spesso si crea confusione quando si deve parlare del tagliando auto, vediamo quindi di fare un po’ d’ordine nella confusione generale, cominciando dalle basi: “che cos’è il tagliando?”.

Si tratta di un controllo periodico del proprio veicolo, che garantisce di mantenere sotto stretto controllo tutte quelle parti che possono usurarsi nel tempo, rendendo di fatto impossibile garantire, alla lunga, quella sicurezza che ciascun mezzo che circola su strada dovrebbe essere in grado di fornire al conducente. Se l’uomo va dal medico per fare dei check up periodici, anche le automobili hanno bisogno, di tanto in tanto, di una controllatina. Meglio se prima che si manifestino eventuali problemi di sorta.

Quella del tagliando auto è quindi una misura preventiva, ideale per scongiurare problemi di natura meccanica. Generalmente, le componenti che vengono solitamente “controllate” in maniera più certosina sono le cinghie di trasmissione, il climatizzatore, le pastiglie dei freni, gli pneumatici (sia la pressione, sia lo stato di usura), il funzionamento di luci e sospensioni, nonché i vari livelli dei fluidi nell’auto (olio, liquido freni e refrigerante). Questa è la prassi che si segue – in linea di massima – per i veicoli alla prima revisione. Già dalle successive revisioni, i controlli tendono ad essere maggiori e sempre più specifici, perché è inevitabile che con gli anni e l’utilizzo costante, le componenti del mezzo vadano incontro ad usura o a possibili malfunzionamenti.
[/av_textblock] [av_image src=’http://www.coratoalonso.it/wp-content/uploads/2016/02/prenota-risparmia-tagliando-auto.jpg’ attachment=’14851′ attachment_size=’full’ align=’center’ styling=” hover=’av-hover-grow’ link=’page,3429′ target=” caption=” font_size=” appearance=” overlay_opacity=’0.4′ overlay_color=’#000000′ overlay_text_color=’#ffffff’ animation=’no-animation’][/av_image] [av_textblock size=” font_color=” color=”] Dove e quando fare il tagliando auto?

Fino al 2002 tutti i possessori di un’automobile dovevano per forza di cose effettuare il tagliando dell’auto in un’officina del marchio di appartenenza del proprio mezzo. Si trattava di una misura regolata dalla legge. Con il decreto Monti, tuttavia, è stata deliberata la possibilità di rivolgersi a qualsiasi officina, purché siano rispettati i tempi imposti dalla casa madre, che regolamenta gli intervalli ogni quanto è necessario procedere col tagliando. Ed ecco quindi che entrano in gioco le tempistiche: su cosa si basano i tempi imposti dai marchi automobilistici? Diciamo subito che non ci sono delle regole universalmente valide, ed è il produttore che li stabilisce secondo alcuni parametri: il numero di chilometri percorsi e gli anni. Il tagliando alla propria vettura, di conseguenza, va effettuato quando si raggiunge uno dei due limiti. Le varianti sono davvero numerose: ci sono automobili che devono fare il tagliando ogni 15-20mila chilometri o 1/2 anni, altre ogni 30-50mila o 2 anni. Le automobili di moderna generazione, invece, sono regolamentate dalla centralina di bordo, che segnala in automatico quando è necessario procedere ai controlli in officina, valutando non solo il binomio chilometri percorsi – anni, ma considerando anche alcuni importanti aspetti, come il tipo di guida del conducente e le effettive condizione “fisiche” nella quali si trova il veicolo.

Quali sono i costi per controllare la propria automobile?

Abbiamo chiarito in cosa consiste il tagliando, spiegando anche quali sono i tempi ogni quanto ripeterlo (che come si è visto sono soggetti a variabilità). Come per tutte le cose resta ora l’interrogativo su quanto costa fare il tagliando auto. Partiamo dal presupposto che anche in questo caso non è assolutamente possibile fare una stima precisa, dipende dal tipo di intervento che è necessario effettuare, nonché ai costi di base delle varie officine. È quindi evidente che maggiori saranno i pezzi usurati o da sostituire e maggiore sarà il conto finale. Più componenti e più lavoro corrispondono a costi più elevati. Ma non è tutto: molto dipende, infatti, anche dal modello dell’automobile e dai pezzi di ricambio delle varie case automobilistiche: detta in soldoni, a parità di interventi su una Porsche 911 e una Fiat Panda, i costi saranno inevitabilmente maggiori sul primo modello.

Se è vero che su un’automobile ormai fuori garanzia non c’è l’obbligo di effettuare il tagliando auto, è anche vero che è indispensabile fare riferimento a qualcuno di davvero competente per mettere le mani nella propria vettura. La regola? Non improvvisare nulla. Chiunque potrebbe sistemare i livelli dell’olio o aggiungere del detergente per lavare i vetri, ma non si limita certo a questo un tagliando, con operazioni non certo banali, come la sostituzione delle cinghie o il cambio dell’olio, che deve essere raccolto e smaltito nella maniera più corretta. Quindi affidatevi ai professionisti rischiereste di spendere il doppio senza accorgervene!
[/av_textblock] [av_button label=’Richiedi un PREVENTIVO per il tagliando della tua auto’ link=’page,4097′ link_target=” size=’large’ position=’center’ icon_select=’yes’ icon=’ue836′ font=’entypo-fontello’ color=’theme-color’ custom_bg=’#444444′ custom_font=’#ffffff’] [av_textblock size=” font_color=” color=”] Photo credit &  Source News & Text: Pixabay | Gianluca Anoè
[/av_textblock]

Related posts

Post a Comment