Scroll to top

Vietato fumare in macchina, arrivano le multe!

[av_textblock size=” font_color=” color=”] vietato-fumare-in-macchina-arrivano-le-multe

Brutte notizie per i fumatori. Dal 2 febbraio 2016 fumare in auto è vietato. La multa infatti, può arrivare a 500 euro. Vale la pena accendersi la sigaretta quindi, mentre ci troviamo al volante?

Questa è la notizia che per molto tempo è circolata sul web ma in realtà, le cose stanno un po’ diversamente. La legge è realmente passata il 2 febbraio, ma fumare in auto è vietato e diventa gesto passibile di multa solo quando nella vettura c’è un minore o una donna incinta. In realtà il Codice della Strada doveva essere modificato in un altro senso. L’idea (giusta) che voleva esser fatta passare era che la sigaretta è in fin dei conti una distrazione per chi guida e può essere quindi causa di incidenti. Bastano pochi secondi per trovarsi coinvolti in un incidente e purtroppo le conseguenze possono essere anche molto gravi.

Da una legge per eliminare la sigaretta in quanto fonte di distrazione, siamo passati invece a una che vuole proteggere le categorie più sensibili, donne in dolce attesa e minorenni. Viene messa davanti a tutto quindi, la salute dei passeggeri che spesso e volentieri si trovano a dover respirare il fumo passivo. Non è solo il conducente ad essere passibile di multa. Anche un passeggero che fuma in presenza di minori o donne incinte può essere sanzionato. Inoltre, il veicolo non deve necessariamente essere in movimento, può anche essere in sosta ed essere multati.
[/av_textblock] [av_image src=’http://www.coratoalonso.it/wp-content/uploads/2016/02/prenota-risparmia-tagliando-auto.jpg’ attachment=’14851′ attachment_size=’full’ align=’center’ styling=” hover=’av-hover-grow’ link=’page,3429′ target=” caption=” font_size=” appearance=” overlay_opacity=’0.4′ overlay_color=’#000000′ overlay_text_color=’#ffffff’ animation=’no-animation’][/av_image] [av_textblock size=” font_color=” color=”] In realtà le leggi in merito al fumo sono state riviste in un senso molto più profondo. Ad esempio il tabaccaio che vende sigarette ai minorenni può vedersi revocare la licenza. I pacchetti dovranno essere coperti da immagini molto forti circa per il 65% della loro superfici, dovrà essere presente il numero anti-fumo. Chi getta mozziconi per strada poi, rischia multe da 300€. Ci chiediamo invece cosa accade quando è la donna incinta o il minorenne a fumare in auto, perché purtroppo, non possiamo ignorare questa realtà dei fatti. Probabilmente un pensiero comune a molti e nonostante non sono riuscita a trovare informazioni specifiche in merito, ritengo che semplicemente la multa verrà erogata ugualmente anche se è la persona “da proteggere” a non rispettare la legge che la vorrebbe tutelare.

Per chi fuma la sigaretta elettronica?

Niente di troppo chiaro al momento. Sembra però che il decreto non comprenda le e-cigarette, strumento utilizzato da molte persone proprio per cercare di farla finita con il vizio del fumo. Tuttavia essendoci poca chiarezza in merito, se volete evitare multe, evitate proprio di fumare in macchina quando ci sono donne incinte e bambini.

A quanto ammontano le sanzioni?

La sanzione amministrativa va da un minimo di 25 euro a un massimo di 250 euro quando sono presenti minorenni. Se invece nel veicolo vi sono donne in stato interessante e bambini con età inferiore ai 12 anni, la sanzione minima è di 50 euro, mentre quella massima di 500 euro.

Ma si tratta davvero solo di un discorso di multe? Si sa, a nessuno piace riceverne una. Tuttavia questa legge ha proprio lo scopo di tutelare le persone e forse, dovrebbe cercare di farlo in modo più completo. La sigaretta oltre a danneggiare la persona che la fuma e coloro che sono costretti a respirarne il fumo passivo, è anche un pericolo durante la guida perché è una fonte di distrazione.L’automobilista, al di la della possibile multa e della presenza o meno di bambini e donne incinte, dovrebbe forse prendere la buona abitudine di fumare prima o dopo essersi messo alla guida e, quando si trova ad affrontare viaggi lunghi, a fare delle soste per riposarsi e magari fumare. La sigaretta non è l’unica distrazione, è necessario essere prudenti per strada sia per la propria e altrui sicurezza. Per tanto dovrebbe essere evitato l’uso di smartphone se non con gli auricolari, tablet, riviste, giornali e qualsiasi altra cosa che possa anche solo per un momento far distrarre il conducente. Insomma, non sono le multe a dover “costringere” la persona a seguire la retta via, ma il semplice buon senso.
[/av_textblock] [av_textblock size=” font_color=” color=”] Photo credit &  Source News & Text: Pixabay | Claudia Lemmi
[/av_textblock]

Please follow and like us:
41
8
11
7
21
5
12

Related posts

Post a Comment