Scroll to top

Livrea Brumos per le Porsche 911 RSR a Daytona e Sebring [VIDEO]

La leggendaria livrea del team Brumos team rivivrà i successi sulle Porsche 911 RSR in gara a Daytona e Sebring.

Un’opera di marketing che potrebbe portare fortuna, questa è almeno la speranza. Quest’anno il GT Team di Porsche invierà le sue due 911 RSR alla 24 Ore di Daytona e alla 12 ore di Sebring con un design tutto particolare, una sorta di tributo alla storia. Le automobili voleranno da Weissach alla volta delle piste di gara “indossando” i colori del leggendario Brumos Racing di Jacksonville.

Colori – il bianco, il blu e il rosso – che sono vero e proprio sinonimo di successo: dal 1973 al 2009, infatti, il team ha portato a casa per ben 4 volte la vittoria alla 24 Ore di Daytona. Dopo il ritiro dalle scene nel 2013, Porsche ha deciso di far rivivere il mito, sperando che possa essere benaugurante.

Le date di Daytona e Sebring

La 24 ore di Daytona 2019 è una gara endurance riservata a prototipi e a Gran Turismo che si disputerà sul Daytona International Speedway in Florida, il 26 e 27 gennaio.

PER ELENCO COMPLETO DEI PILOTI ISCRITTI ALLA 24 ORE DI DAYTONA 2019 Clicca QUI >

Mentre per la 12 ore Sebring bisognerà aspettare fino al 13 marzo, quando si apriranno i cancelli, in attesa del sabato 16, quando partirà la 67esima edizione della Mobil1 12 ore di Sebring.

AGGIORNAMENTI  della 24 ore di Daytona

pole-position-porsche-911-rsr-livrea-brumos-24-ore-daytona-2019

Porsche 911 RSR  in pole position alla 24 h di Daytona

Pole position per la Porsche 911 RSR condotta dal pilota britannico Nick Tandy, che ha ottenuto il miglior tempo sul giro ( 1’42”257) nelle qualifiche di 15 minuti della classe GTLM. Nick Tandy (Porsche 911 RSR numero di partenza 911) al termine delle qualifiche ha dichiarato: «Il nostro obiettivo era quello di cercare un flusso adeguato e questo ha funzionato perfettamente. Nei lunghi rettilinei di Daytona questo può davvero aiutare e ti dà molto tempo, soprattutto se prendi lo slipstream da due macchine, come nel nostro caso. A volte questa tattica non funziona, ma oggi siamo stati fortunati. Mentre la pole position è fantastica, non significa tanto in una gara di 24 ore come in altri eventi. Eppure, è importante iniziare un fine settimana con un grande risultato». Il suo collega a bordo della Porsche 911 RSR dalla leggendaria livrea Brumos, partito con il numero 912, si è piazzato al quinto posto della griglia.

SEGUI LA DIRETTA della 24 h Daytona clicca qui >

La #911 dopo 4 ore di gara ha preso il comando

porsche-911-rsr-24-ore-daytona-2019-testa-gara

Entrambi le Porsche 911 RSR in sfida nella classe GTLM fin dall’inizio della gara hanno avuto qualche problema tecnico, affrontato molto bene grazie a un pit-stop aggiuntivo. Mossa tattica perfetta tanto da permettere alla Porsche numero #911 di tornare in testa alla gara.

Il direttore del GT Porsche team Pascal Zurlinden ha dichiarato: “Tutto funziona come previsto con la macchina numero 911. Rifornimenti, cambio gomme e il cambio pilota: basta. Quindi siamo ben posizionati in gara. Sfortunatamente, l’auto gemella ha subito una battuta d’arresto poco dopo l’inizio. Ma non ci arrendiamo e stiamo facendo tutte le fermate. Siamo riusciti a ridurre considerevolmente il divario. Se tutto andrà liscio, dovremmo essere in grado di andare oltre. E tutto è possibile anche per l’auto n. 912. ”

Posizione n.3 e 5 per le 2 911 Porsche 911 RSR dalla mitica livrea Brumos.

porsche-911-rsr-brumos-24-ore-daytona
La gara di apertura del campionato IMSA è stata sospesa per circa 1 ora e 45 minuti a causa di una pioggia copiosa. Nonostante le condizioni difficili la gara è ripresa. Le due Porsche sono ancora in piena gara con una posizione attuale tre (#912) cinque (#911)

Il pilota francese Laurens Vanthoor dopo il suo turno ha dichiarato (#912): “Siamo riusciti a recuperare il tempo perso all’inizio grazie a una strategia di prima classe e al nostro eccellente passo. Da allora siamo tornati nel gruppo di testa con la possibilità di vincere. Ha iniziato a piovere presto questa mattina. Il bagnato e il buio hanno creato condizioni incredibili. Ho vissuto molto nella mia carriera, ma  sotto la pioggia di notte qui è sicuramente uno delle tre situazioni peggiori che abbia mai visto nella mia vita. Nessuna presa, nessuna visibilità – si trattava di mantenere l’auto in pista. ” 

Related posts

1 comment

Post a Comment